Cassazione civile Sez. II sentenza n. 3506 del 4 agosto 1977

(1 massima)

(massima n. 1)

... Se Ŕ vero che il vigente ordinamento, rifiutando il principio romanistico della tipicitÓ delle servit¨, Ŕ ispirato a quello della libertÓ nella determinazione del loro contenuto nell'ambito della categoria generale, quale positivamente disciplinata, Ŕ anche vero che l'inquadramento della servit¨ in uno dei tipi tradizionali conserva una certa rilevanza ai fini dell'indagine richiesta dalla seconda parte dell'art. 1065 c.c., per stabilire se una modalitÓ di esercizio sia conforme al cosiddetto criterio del minimo mezzo, in guisa da soddisfare il bisogno del fondo dominante con il minimo aggravio del fondo servente. (Nella specie, la C.S. ha affermato che esattamente il giudice del merito, accertata l'avvenuta costituzione convenzionale di una semplice servit¨ di passaggio, in assenza di precise clausole idonee a delimitare e ridurre il contenuto del diritto dominicale sul fondo servente al di lÓ di quanto necessario per rendere possibile l'esercizio del passaggio, ha ritenuto non compresa tra le facoltÓ spettanti al proprietario del fondo dominante anche quella di intercludere la striscia di terreno, gravata dalla servit¨, all'uso del relativo proprietario).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.