Cassazione penale Sez. III sentenza n. 22036 del 23 giugno 2006

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di reati contro la libertÓ sessuale, la circostanza attenuante della minore gravitÓ del fatto Ŕ riferibile anche alle condotte di violenza sessuale aggravate in conseguenza dell'etÓ inferiore ai dieci anni della vittima, in quanto, seppure gli atti sessuali commessi in danno di bambini in tenera etÓ sono reati da considerare gravi per le ripercussioni negative sullo sviluppo del minore, non pu˛ escludersi che, per le circostanze concrete del fatto, tale delitto possa manifestare una minore lesivitÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.