Cassazione civile Sez. II sentenza n. 4999 del 21 maggio 1994

(2 massime)

(massima n. 1)

Il requisito della rispondenza del passaggio alle esigenze della agricoltura o dell'industria, richiesto dal secondo comma dell'art. 1052 c.c. per la costituzione del passaggio coattivo, deve essere valutato non giÓ in base a criteri astratti, ma con riguardo allo stato attuale dei fondi, e dalle concrete possibilitÓ di un pi¨ ampio loro sfruttamento o di una loro migliore utilizzazione.

(massima n. 2)

L'indennitÓ dovuta dal proprietario del fondo a favore del quale Ŕ stata costituita la servit¨ di passaggio coattivo non rappresenta il corrispettivo dell'utilitÓ conseguita dal fondo dominante, ma un indennizzo risarcitorio da ragguagliare al danno cagionato al fondo servente. Ne consegue che ai fini della determinazione dell'indennitÓ non pu˛ aversi riguardo esclusivamente al valore della superficie di terreno assoggettata alla servit¨, ma si deve tenere conto di ogni ulteriore pregiudizio subito dal fondo servente in relazione alla sua destinazione a causa del transito di persone e di veicoli.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.