Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 6318 del 30 maggio 1994

(2 massime)

(massima n. 1)

Integra alterazione di stato ogni dichiarazione resa in sede di formazione dell'atto di nascita con la quale si attribuisce al figlio riconosciuto una discendenza che non gli compete secondo natura. Mentre nel caso di sostituzione di neonato giÓ denunciato allo stato civile (art. 567, comma 1, c.p.) l'interesse tutelato Ŕ quello (della collettivitÓ e del neonato) alla conservazione dello stato civile acquisito in forza dell'iscrizione, nell'ipotesi del capoverso dell'art. 567 c.p., tutelato Ŕ l'interesse a che il neonato non acquisti uno stato civile difforme da quello a lui spettante in conformitÓ dei dati costitutivi reali o - quando ci˛ non sia possibile - in conformitÓ della disciplina sostitutiva prevista negli artt. 75, 77 e 77 bis dell'ordinamento dello stato civile.

(massima n. 2)

La differenza tra il reato di falsa dichiarazione sull'identitÓ (art. 495 c.p.) e quello di alterazione di stato (art. 567 cpv. c.p.) consiste in ci˛ che la prima norma punisce l'immutazione del vero in se stessa, mentre la seconda punisce l'immutazione del vero in quanto da essa derivi la perdita del vero stato civile del neonato. I due reati hanno in comune l'elemento del falso ideologico documentale, ma quello pi¨ gravemente sanzionato ha in pi¨ l'elemento dell'alterazione di stato, atteggiandosi come reato complesso. Ne consegue che solo la falsitÓ che non incida sul rapporto di procreazione e non cagioni l'alterazione dello status del neonato pu˛ integrare il reato, di cui all'art. 495 c.p.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.