Cassazione penale Sez. III sentenza n. 14018 del 13 dicembre 1986

(1 massima)

(massima n. 1)

La rappresentazione di pellicole cinematografiche, a contenuto intrinsecamente osceno, in speciali sale a ci˛ destinate (cosiddette a luce rossa) non concretizza il reato di cui all'art. 528 c.p. Infatti la societÓ attuale parallelamente alla evoluzione dei concetti di pudore e di osceno, riconosce che specifiche manifestazioni in particolari circostanze (luoghi aperti al pubblico, e non pubblici, sicuramente identificabili, nei quali possa essere impedito l'accesso a taluni soggetti) possano essere realizzate senza provocare lesione dei comuni sentimenti di riservatezza, decoro, pudore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.