Cassazione penale Sez. III sentenza n. 6202 del 21 giugno 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

La violenza carnale compiuta dal marito in danno della moglie non deve presentare connotazioni diverse rispetto a quella compiuta da un soggetto estraneo. (Nella specie trattavasi di imputazione di tentata violenza carnale. I giudici di merito avevano escluso la configurabilitą del tentativo stesso, evidenziando — nei due episodi ascritti — che nel primo l'uomo non aveva superato la soglia dei semplici approcci e nel secondo che non esisteva la prova dell'inizio di una azione violenta. La corte ha rigettato il ricorso del P.M., affermando la incensurabilitą della decisione d'appello, non sussistendo né carenza né illogicitą manifesta della motivazione).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.