Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 841 del 23 gennaio 1989

(1 massima)

(massima n. 1)

La linea di demarcazione tra l'intossicazione derivante da un uso abituale di sostanze stupefacenti (art. 94, terzo comma c.p.) e l'intossicazione cronica prevista dall'art. 95 c.p. (che il legislatore considera uno stato patologico assimilato al vizio di mente totale o parziale di cui agli artt. 88 e 89 c.p.), sebbene clinicamente ben distinta, deve essere colta dal giudice di merito attraverso un esame approfondito da compiersi caso per caso eventualmente anche a mezzo di accertamenti di natura medico-legale. (Nella specie č stata annullata per difetto di motivazione la sentenza con la quale i giudici di merito avevano ritenuto giā per dimostrato che l'imputato fosse pienamente capace di intendere e di volere al momento della ingestione delle sostanze stupefacenti; senza disporre perizia psichiatrica, pure richiesta della difesa, e senza condurre un esame approfondito sul piano logico-giuridico degli elementi atti a delineare la personalitā dell'imputato medesimo).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.