Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 9530 del 18 settembre 1986

(1 massima)

(massima n. 1)

La pena accessoria (sospensione, dall'esercizio degli uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese) prevista dall'art. 35 bis, introdotto con l'art. 123 L. 24 novembre 1981, n. 689, sulle modifiche al sistema penale, Ŕ applicabile per il combinato disposto degli artt. 31 (condanna per delitti commessi con abuso di un pubblico ufficio o di una professione o di un'arte Ś interdizione) e 33 c.p. (condanna per delitto colposo), a tutte le ipotesi contravvenzionali senza distinguere tra contravvenzioni commesse con dolo o con colpa. Infatti, secondo tali disposizioni, vi pu˛ essere un abuso di poteri o una violazione di doveri anche in caso di delitto colposo: Ŕ solo l'entitÓ della pena irrogata che pu˛ escludere l'applicazione della interdizione, per espresso dettato legislativo, ma non Ŕ prevista, anzi Ŕ esclusa, una incompatibilitÓ tra interdizione e comportamento colposo dell'agente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.