Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 4150 del 12 aprile 1991

(1 massima)

(massima n. 1)

L'art. 11, comma secondo, c.p., nel condizionare alla richiesta del ministro della giustizia la rinnovazione del giudizio nel territorio dello Stato per i delitti commessi dal cittadino all'estero, richiede un plus rispetto alle altre condizioni previste negli artt. 7, 8, 9 e 10 da esso richiamati. Ne consegue che, per la procedibilitÓ dell'azione in ordine ai delitti indicati nell'art. 9, comma primo, c.p. (tra i quali rientra quello dell'art. 71 L. 22 dicembre 1975, n. 685), occorre, oltre alla richiesta del ministro, anche la condizione della presenza del cittadino nel territorio dello Stato. Ci˛ determina l'applicabilitÓ del secondo comma dell'art. 128 c.p. e, quindi, l'operativitÓ del maggior termine di decorrenza di tre anni per la richiesta del ministro nel caso di cittadino giÓ giudicato all'estero.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.