Cassazione civile Sez. II sentenza n. 4376 del 27 marzo 2002

(1 massima)

(massima n. 1)

A norma degli artt. 979 e 980 c.c. la durata dell'usufrutto non pu˛ eccedere la vita dell'usufruttuario, il quale, peraltro, pu˛ cedere il suo diritto per un certo tempo o per tutta la sua durata. La temporaneitÓ del diritto, pertanto, esclude che esso possa formare oggetto di disposizione testamentaria o ricadere nell'ambito di una successione mortis causa; tuttavia, una volta che l'usufrutto sia stato ceduto per atto inter vivos, esso, fino alla morte dell'originario e primo usufruttuario, si rende suscettibile di successione mortis causa ove l'originario cessionario deceda prima del cedente, e, se il concessionario in questione non ne abbia disposto per atto di ultima volontÓ esso si trasmette per legge agli eredi dello stesso (ed Ŕ suscettibile di successive trasmissioni mortis causa), non essendosi estinto e continuando a far parte del patrimonio relitto fino alla sua estinzione per morte del primo usufruttuario.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.