Cassazione civile Sez. I sentenza n. 13306 del 29 novembre 1999

(1 massima)

(massima n. 1)

Costituisce requisito di validitā della clausola compromissoria il fatto che gli arbitri vengano nominati con il concorso della volontā dei contraenti e non siano espressione della volontā di una soltanto delle parti, in quanto il concorso di entrambe le parti nella nomina degli arbitri soddisfa un insopprimibile valore di garanzia dell'imparzialitā di chi č chiamato a risolvere una controversia; valore che prescinde dalla natura rituale o irrituale dell'arbitrato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.