Cassazione civile Sez. I sentenza n. 1738 del 18 febbraio 1988

(1 massima)

(massima n. 1)

La Corte di cassazione Ŕ giudice anche del fatto ogni qualvolta si tratti di risolvere questioni di competenza o di giurisdizione ed in ogni altro caso in cui l'indagine sia diretta ad accertare se il giudice di merito sia incorso in un errore in procedendo. Pertanto quando una pronuncia arbitrale sia stata impugnata dinanzi all'autoritÓ giudiziaria e sia sorta questione se si tratti di arbitrato rituale o irrituale, con la conseguente ammissibilitÓ o meno dell'impugnazione prevista dall'art. 828 c.p.c., la Corte di cassazione pu˛ compiere un autonomo e diretto accertamento della volontÓ dei compromittenti indipendentemente dal convincimento espresso al riguardo dal giudice di merito.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.