Cassazione civile Sez. Unite sentenza n. 6377 del 7 luglio 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

La domanda proposta da un professionista nei confronti della pubblica amministrazione, per conseguire il compenso che assuma dovutogli per prestazioni professionali di natura autonoma, si ricollega a posizioni di diritto soggettivo inerenti ad un contratto d'opera e spetta, quindi, alla cognizione del giudice ordinario; mentre non rileva, a tal fine, che l'amministrazione convenuta eccepisca l'espletamento di dette prestazioni nell'ambito di un rapporto di pubblico impiego, trattandosi di questione che attiene al fondamento nel merito della domanda stessa, data l'astratta compatibilitā (delle stesse prestazioni) con l'uno e l'altro rapporto. (Principio affermato in fattispecie relativa a somme pretese a titolo di indennitā da componenti della commissione dell'esame di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.