Cassazione civile Sez. III sentenza n. 1681 del 10 febbraio 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

In caso di sinistro stradale causato da un veicolo o natante non identificato o non coperto da assicurazione, lo straniero che vuole esercitare il diritto al risarcimento del danno nei confronti del Fondo di garanzia per le vittime della strada, previsto dall'art. 19 della L. 24 dicembre 1969 n. 990, deve solo dimostrare, ai sensi dell'art. 16 delle disposizioni sulla legge in generale, che lo Stato cui appartiene riconosce, senza limitazioni discriminatorie per il cittadino italiano, i diritti civili connessi al risarcimento del danno ed all'istituto dell'assicurazione, essendo del tutto irrilevante la carenza, nell'ordinamento straniero, di un istituto analogo a quello del Fondo di garanzia che, avendo funzione risarcitoria e non indennitaria, attiene non al diritto ma alle modalitÓ attraverso le quali nello Stato italiano Ŕ assicurato il risarcimento del danno. L'accertamento della legge straniera che assicura la condizione di reciprocitÓ, configurandosi questa legge come un mero fatto, per ci˛ stesso soggetto non al principio iura novit curia ma a quello sull'onere della prova, Ŕ riservato al giudice di merito e si sottrae, quindi, al controllo di legittimitÓ se motivato senza vizio logico o giuridico.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.