Cassazione civile Sez. III sentenza n. 13335 del 19 luglio 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

L'assicuratore della responsabilitÓ civile derivata dalla circolazione dei veicoli, in caso di pluralitÓ non incolpevolmente ignorata, di danneggiati in un unico sinistro, non pu˛ opporre a coloro che chiedono il risarcimento l'incapienza del massimale per aver giÓ risarcito altri; ci˛ in quanto, invece, l'assicuratore ha l'onere di rispettare in tal caso il principio della par condicio, statuito dall'art. 27, primo comma, legge 24 dicembre 1969 n. 990, anche provocando le rispettive richieste risarcitorie al fine di ripartire corrispondentemente il massimale. Viceversa egli deve rispondere fino alla concorrenza dell'ammontare del medesimo nei confronti di ciascun danneggiato (a meno che questi abbia consentito l'integrale risarcimento a favore di altri).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.