Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 4643 del 6 febbraio 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di misure cautelari adottate nell'ambito del procedimento di estradizione, avuto riguardo alla complessiva disciplina della materia, caratterizzata dalle previsioni di rigide scansioni temporali, quali contenute, in particolare, negli artt. 708 e 714 c.p.p., l'assenza di tali previsioni nell'art. 709 c.p.p. non pu˛ che essere interpretata nel senso che, verificandosi l'ipotesi ivi prevista di una sospensione, per esigenze di giustizia interne, della consegna dell'estradando allo Stato estero richiedente, la misura cautelare eventualmente in atto dev'essere revocata, salva la possibilitÓ di una sua remissione, sussistendone i presupposti, su nuova richiesta del Ministro della giustizia, ai sensi degli artt. 704, comma 3, e 714, comma 1, c.p.p., in funzione della concreta e sollecita consegna dell'estradando, da effettuarsi a norma dell'art. 708, comma 4, c.p.p.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.