Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 3281 del 27 novembre 1995

(2 massime)

(massima n. 1)

L'art. 3, comma 2 della Convenzione europea di estradizione prevede la possibilitÓ per lo Stato richiesto di rifiutare la estradizione per sospetto di processo politico. Il giudizio sulla eventuale sussistenza di una estradizione cosiddetta mascherata o di altra situazione idonea ad incidere negativamente sui diritti fondamentali dell'estradando deve peraltro basarsi su elementi idonei a far ritenere fondato il pericolo in questione e detti elementi debbono potersi ricavare dagli atti ovvero debbono essere prospettati dall'interessato secondo un preciso onere di allegazione: l'esercizio, in via esclusiva, di un potere di iniziativa officioso del giudice, in assenza di concreti ed apprezzabili sospetti, costituirebbe fatto non amichevole e non corretto nei confronti dello Stato richiedente.

(massima n. 2)

La commissione del reato in Italia non esclude la concorrente giurisdizione straniera nÚ impedisce la estradizione fondata sulla Convenzione europea in virt¨ della quale siffatta ipotesi pu˛ dare luogo soltanto al rifiuto facoltativo di estradizione, che non Ŕ di competenza dell'autoritÓ giudiziaria, ma rientra nelle attribuzioni esclusive del Ministero della giustizia.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.