Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 9121 del 25 agosto 1995

(1 massima)

(massima n. 1)

Nell'ipotesi di declaratoria di inammissibilitÓ o del ricorso per cassazione avverso sentenza contumaciale per mancanza dello specifico mandato ex art. 571, comma 3, c.p.p., sulla base di una interpretazione costituzionalmente adeguata dell'art. 616 c.p.p. nulla deve disporsi in ordine alle spese del procedimento e alla sanzione pecuniaria. L'art. 616 c.p.p. prevede la condanna alle spese ed alla sanzione pecuniaria soltanto per źla parte privata che ha proposto╗ il ricorso inammissibile. Nel caso in cui l'imputato non abbia proposto alcun ricorso nÚ risulta che abbia in qualche modo aderito alla iniziativa del suo difensore, la sua condanna alle spese o alla sanzione pecuniaria farebbe ingiustamente gravare sull'imputato una sanzione per attivitÓ non rapportabile alla sua iniziativa o alla sua volontÓ. In tale ipotesi neppure pu˛ essere condannato il difensore, che giammai pu˛ ritenersi soccombente, in quanto la impugnazione da lui proposta costituisce pur sempre esercizio di funzione difensionale, esplicata per conto e nell'interesse del difeso, pur in assenza di specifico mandato ex art. 571, comma 3, c.p.p.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.