Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 31314 del 19 agosto 2005

(2 massime)

(massima n. 1)

Il giudice dell'impugnazione penale (nella specie, la Corte di cassazione) non pu˛ decidere ai soli effetti civili ex art. 578 c.p.p. nel caso di morte dell'imputato, atteso che la possibilitÓ di deliberare sulla pretesa civilistica fatta valere nel processo Ŕ limitata soltanto all'estinzione del reato per amnistia o prescrizione e, per il carattere speciale della disciplina, non pu˛ essere analogicamente estesa ad altre cause estintive.

(massima n. 2)

L'intervenuta estinzione del reato per morte del reo, nel determinare la cessazione del rapporto processualpenalistico, comporta anche la caducazione delle statuizioni civilistiche adottate con la sentenza non ancora definitiva nei di lui confronti.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.