Cassazione penale Sez. V sentenza n. 34613 del 24 settembre 2001

(1 massima)

(massima n. 1)

Non Ŕ qualificabile come abnorme, ma Ŕ, al contrario, legittimo il provvedimento con il quale il giudice del dibattimento dichiari la nullitÓ del decreto di citazione a giudizio Ś emesso e depositato dal pubblico ministero in cancelleria, ma non notificato, prima dell'entrata in vigore della legge n. 479 del 1999 modificativa dell'art. 552 c.p.p. Ś per l'omissione, in esso, dell'avviso all'imputato, previsto a pena di nullitÓ, della possibilitÓ di presentare, sussistendone i presupposti, prima della dichiarazione di apertura del dibattimento, le richieste di cui agli articoli 438 (giudizio abbreviato) e 444 (applicazione della pena su richiesta), ovvero domanda di oblazione. (In applicazione di tale principio la Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso del P.M., siccome proposto avverso provvedimento avente natura ordinatoria e, perci˛, inoppugnabile).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.