Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 1488 del 30 luglio 1998

(2 massime)

(massima n. 1)

╚ abnorme l'ordinanza con la quale il giudice dispone la trasmissione degli atti al pubblico ministero ai sensi dell'art. 521, comma 2, c.p.p. adducendo la diversitÓ del fatto per essere emerso il concorso dell'imputato con ignoti, peraltro giÓ risultante implicitamente dalla originaria imputazione. In tal caso non si ha, invero, diversitÓ del fatto, ma soltanto regressione del processo ad una fase precedente per il fine, non consentito, di imporre la correzione dell'imputazione.

(massima n. 2)

L'abnormitÓ Ŕ rilevabile di ufficio anche in sede di legittimitÓ quando essa incida in termini essenziali sul thema decidendum devoluto alla Corte. (Fattispecie in cui il ricorso del P.M. riguardava solo la violazione dell'art. 521, comma 2, c.p.p. sotto il profilo che il concorso dell'imputato con ignoti non modifica la contestazione originaria).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.