Cassazione penale Sez. I sentenza n. 6512 del 3 giugno 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

La previsione del secondo comma dell'art. 511 c.p.p., secondo cui la lettura dei verbali di dichiarazioni Ŕ disposta solo dopo l'esame della persona che le ha rese, a meno che l'esame non abbia luogo, non Ŕ circoscritta all'ipotesi che detto esame non abbia luogo per sopravvenuta impossibilitÓ di ripetizione (ipotesi contemplata, invece, dal successivo art. 512) ma riguarda ogni caso di mancato espletamento dell'esame, il che pu˛ avvenire anche per accordo delle parti od acquiescenza di una di esse alla richiesta dell'altra o per la mancata comparizione dell'esaminando.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.