Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 476 del 20 gennaio 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

Nell'ipotesi in cui, successivamente alla emissione del decreto che dispone il giudizio immediato, l'imputato richieda il «patteggiamento», il giudice per le indagini preliminari non può applicare la pena concordata. In tal caso, invero, unico giudice funzionalmente competente è quello del dibattimento, poiché la pendenza del procedimento dinanzi a quest'ultimo si determina al momento della sottoscrizione del suddetto decreto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.