Cassazione penale Sez. I sentenza n. 1507 del 8 giugno 1993

(2 massime)

(massima n. 1)

Il principio di specialitā di cui all'art. 14 della convenzione europea di estradizione firmata a Parigi il 13 dicembre 1957 non preclude in modo assoluto l'esercizio della giurisdizione da parte dello Stato richiesto, ma vi pone solo delle limitazioni, imposte dall'evidente necessitā di impedire che si tragga occasione dalla presenza fisica dell'estradato nel territorio nazionale per sottoporlo a provvedimenti restrittivi della libertā personale diversi da quelli per i quali l'estradizione č stata concessa e anteriori alla consegna. Al di fuori di questa ipotesi, non sussiste alcun ostacolo normativo alla possibilitā di procedere nei confronti del cittadino estradato per altri fatti, commessi in Italia in danno di cittadini, dovendosi solo prescindere dal compimento di qualsiasi atto che postuli la disponibilitā della persona dell'imputato e, quindi, anche dall'esecuzione di un'eventuale sentenza di condanna a pena detentiva fino a quando per tale diverso titolo, ricorrendone i presupposti, non sia richiesta e concessa un'estradizione suppletiva.

(massima n. 2)

La presenza dell'imputato e del pubblico ministero all'udienza nella quale č stata formulata oralmente la richiesta delle parti di applicazione della pena, ai sensi dell'art. 444 c.p.p, comporta l'attribuibilitā ad entrambe le parti della loro manifestazione di volontā concernente il patteggiamento, secondo la relativa verbalizzazione. (Nella specie, relativa a rigetto di ricorso, la ricorrente aveva lamentato violazione dell'art. 446, terzo comma, c.p.p., secondo il quale la volontā concernente la richiesta di applicazione della pena č fatta dall'imputato personalmente o a mezzo di procuratore speciale, sostenendo che, nonostante la sua presenza il giudice del patteggiamento non l'aveva interpellata per esprimere il suo consenso in merito all'accordo sulla pena intercorso tra il P.M. ed il suo difensore, che non era munito di procura speciale. La Suprema Corte ha osservato che nulla risultava dal verbale dell'udienza in contrario alla volontā dell'imputata di richiedere, in accordo con il P.M., il patteggiamento alle condizioni verbalizzate).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.