Cassazione penale Sez. II sentenza n. 9480 del 20 ottobre 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel caso di divergenza — totale o parziale — circa la richiesta della pena a norma dell'art. 444 c.p.p. tra le conclusioni delle parti riportate in sentenza e quelle consacrate nel verbale di udienza, sono queste ultime che assumono prevalenza preponderante. (In motivazione, la Suprema Corte ha ritenuto che il giudice non può procedere a norma degli artt. 444 e seguenti c.p.p. allorché manchi qualsiasi specificazione delle parti in ordine alla pena pecuniaria, ineludibile in relazione a reato punito con pena congiunta).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.