Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 6219 del 23 giugno 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

Poiché la sentenza che applica la pena su richiesta delle parti è equiparata a una pronuncia di condanna e non contiene statuizioni di estinzione del reato o di improcedibilità dell'azione penale, con il cosiddetto patteggiamento sulla pena non cessa la connessione tra reato e violazione amministrativa prevista dall'art. 24, L. 24 novembre 1981, n. 689. Il giudice, pertanto, permanendo la sua competenza funzionale, è tenuto a procedere all'accertamento in ordine alla sussistenza della violazione non costituente reato e decidere nel merito, applicando, se del caso, la relativa sanzione amministrativa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.