Cassazione penale Sez. III sentenza n. 2324 del 20 settembre 1999

(1 massima)

(massima n. 1)

Il rifiuto di applicazione della pena concordata fra le parti da parte del giudice a motivo dell'incongruitÓ della pena, di per sŔ legittimo, non pu˛ determinare automaticamente l'inammissibilitÓ dell'opposizione e l'esecutivitÓ del decreto penale di condanna opposto, ma deve essere equiparato all'ipotesi contemplata dall'art. 464, comma 1, c.p.p., in cui il rito alternativo non sia stato richiesto o non si perfezioni per mancanza o rifiuto del consenso da parte del P.M., con la conseguenza che, in forza dell'opposizione proposta, il giudice deve emettere decreto di giudizio immediato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.