Cassazione penale Sez. I sentenza n. 556 del 26 marzo 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

Attesa la finalità del giudizio di convalida dell'arresto, che è soltanto quella di verificare la legittimità dell'operato della polizia giudiziaria e non già quella di costituire titolo per il protrarsi della detenzione (dovendosi a tale ultimo fine provvedere con autonoma ordinanza applicativa di misura cautelare), ne deriva che non è sostenuto da interesse processualmente apprezzabile, e va pertanto dichiarato inammissibile, il ricorso proposto dal pubblico ministero avverso l'ordinanza con la quale il giudice abbia convalidato l'arresto con riguardo ad alcuni soltanto dei reati in relazione ai quali il provvedimento era stato adottato, giacché detta convalida, ancorché parziale, costituisce comunque riconoscimento della legalità dell'arresto medesimo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.