Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 8015 del 18 febbraio 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

Ai fini della sussistenza dello stato di flagranza l'apprezzamento sul tempo decorso tra la commissione del fatto e l'arresto Ŕ affidato in via esclusiva al giudice di merito e, qualora correttamente motivato, non censurabile in sede di legittimitÓ; pertanto, in caso di reato di natura permanente, pu˛ riconoscersi la sussistenza della flagranza, quando Ŕ decorso solo il tempo necessario all'espletamento di attivitÓ di indagine dirette a rintracciare il responsabile. (Fattispecie in cui nel caso di detenzione nella propria abitazione di sostanze stupefacenti a scopo di spaccio, il tempo decorso tra il rinvenimento della sostanza e l'arresto, impiegato per rintracciare il proprietario, non aveva fatto venir meno l'attualitÓ del reato).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.