Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 42020 del 5 novembre 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di guida in stato di ebbrezza, l'omesso avviso di deposito, previsto dall'art. 366 c.p.p., del verbale contenente i risultati dell'alcooltest integra gli estremi della nullitÓ relativa, la quale, se ritualmente eccepita, comporta l'inutilizzabilitÓ dell'accertamento effettuato con tale mezzo di prova, con la conseguenza che di esso il giudice non pu˛ tenere conto nella formazione del suo convincimento in ordine alla sussistenza della responsabilitÓ dell'imputato; Ŕ, tuttavia, illegittima la sentenza di non doversi procedere per la nullitÓ della suddetta prova, posta a base del rinvio a giudizio dell'imputato, attesochŔ la responsabilitÓ in ordine al reato di guida in stato di ebbrezza in conseguenza dell'uso di bevande alcoliche non deve necessariamente essere provata attraverso l'alcooltest, ma pu˛ essere desunta da qualsiasi altro elemento probatorio idoneo a comprovare lo stato di alterazione psicofisica. (Contrasto segnalato con relazione n. 94 del 2003).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.