Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 30297 del 10 settembre 2002

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di calunnia, l'accusa della commissione di un reato pu˛ essere formulata in qualunque atto rivolto ad una pubblica autoritÓ che sia tenuta, ai sensi dell'art. 331 c.p.p., a denunciare all'autoritÓ giudiziaria la notizia di reati perseguibili d'ufficio, e non soltanto attraverso una denuncia al giudice penale. (In applicazione del principio, la Corte ha ritenuto configurabile l'elemento oggettivo della calunnia nel contenuto di una istanza di ricusazione di alcuni giudici di procedure esecutive presso il tribunale di Torino, accusati di plurime condotte di favoreggiamento della controparte, istanza che era stata ritualmente trasmessa al pubblico ministero per l'esercizio dell'azione penale).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.