Cassazione penale Sez. Unite sentenza n. 29 del 10 novembre 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel procedimento di riesame delle misure cautelari reali la persona nel cui interesse l'impugnazione č stata proposta ha diritto alla notificazione dell'avviso d'udienza ancorchč la richiesta sia stata sottoscritta unicamente dal difensore; l'omissione di tale formalitā, che č finalizzata all'instaurazione del contraddittorio determina, ai sensi dell'art. 179 c.p.p., la nullitā assoluta ed insanabile del prodecimento e dell'ordinanza conclusiva. (Nell'occasione la Corte ha altresė precisato che l'avviso d'udienza non spetta viceversa a chi, pur legittimato, non abbia proposto l'impugnazione, come nell'ipotesi in cui l'imputato non si dolga del vincolo apposto su beni la cui proprietā o disponibilitā faccia capo a terzi e solo questi abbiano chiesto il riesame).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.