Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 3197 del 4 febbraio 1994

(3 massime)

(massima n. 1)

È legittimo il provvedimento con il quale il giudice autorizza il custode di azioni sottoposte a sequestro conservativo penale ad aderire ad un patto di sindacato di voto. (A sostegno del principio di cui in massima la Cassazione ha osservato, da un lato, che il custode è legittimato ad esercitare il diritto di voto inerente alle azioni e l'adesione ad un patto di sindacato non è altro che una forma procedimentale di esercizio del voto stesso, e, dall'altro, che non può ritenersi — in via generale — la illegittimità, per contrarietà all'ordine pubblico societario, del patto di sindacato di voto, inteso come convenzione meramente obbligatoria, perché esso non è lesivo né della libertà del socio, né dei poteri e della funzione assembleare, mentre un'eventuale invalidità della delibera assembleare assunta con la determinante partecipazione degli aderenti al fatto, non può essere affermata anticipatamente in sede di autorizzazione, dovendo invece esser verificata in un successivo, eventuale, giudizio civile).

(massima n. 2)

In tema di sequestro conservativo penale, nel caso in cui il sequestro abbia ad oggetto beni quali azioni, quote sociali ed aziende, i poteri di controllo e di vigilanza che spettano al giudice penale sul custode, devono svolgersi nel rispetto di due riserve: 1) quella in tema di regolazione dei diritti soggettivi delle parti eventualmente contrapposte, che spetta al giudice civile competente; 2) quella in tema di interessi alle scelte imprenditoriali, che vanno attribuite al custode che ne assume la piena responsabilità, anche agli effetti della normativa penale, comune e societaria. Pertanto il controllo e la vigilanza del giudice sull'operato del custode devono rimanere in termini di stretta legalità ai fini della sola valutazione del rispetto di norme e principi di ordine pubblico, mentre nel merito gli interventi del giudice penale possono solo tendere al divieto di quelle eventuali scelte del custode che — con giudizio ex ante — esulano da ogni forma di discrezionalità tecnico-amministrativa, caratterizzante le gestioni imprenditoriali ed economiche.

(massima n. 3)

In tema di sequestro conservativo, avverso il provvedimento del giudice che non attenga all'imposizione o alla modifica del vincolo cautelare, ma solo alle modalità esecutive ed attuative del vincolo stesso può essere esperito ricorso per cassazione ex art. 666, sesto comma, c.p.p. e non riesame ex art. 318 stesso codice. (Fattispecie relativa all'impugnazione del provvedimento con il quale il giudice di merito aveva autorizzato il custode di azioni sottoposte a sequestro conservativo ad aderire ad un patto di sindacato di voto).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.