Cassazione penale Sez. III sentenza n. 588 del 7 marzo 1996

(2 massime)

(massima n. 1)

In tema di riesame, l'effetto caducatorio della misura cautelare che, in base al combinato disposto del quinto e del decimo comma dell'art. 309 c.p.p., quali novellati dall'art. 16 della L. 8 agosto 1995 n. 332, deriva dalla mancata trasmissione degli atti, da parte dell'autorità giudiziaria procedente, entro il termine di cinque giorni, non si produce quando trattasi di riesame concernente una misura cautelare di carattere reale, atteso che, in tale ipotesi, la trasmissione degli atti è disciplinata dall'autonoma e diversa disposizione di cui all'art. 324, comma 3, c.p.p. (non modificata dalla legge n. 332/95); il richiamo all'art. 309, comma 10, pur contenuto del comma 7 del citato art. 324, deve intendersi limitato all'effetto caducatorio derivante dalla sola mancata decisione entro il termine di dieci giorni.

(massima n. 2)

Le provviste di denaro esistenti su conti correnti non costituiscono «corpo di reato», ai sensi dell'art. 253 c.p.p., in relazione agli illeciti fiscali ipotizzati, (nella specie omessa annotazione di corrispettivi a fini Iva ed emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti), sicché il sequestro di esse è illegittimo. (La S.C. ha altresì osservato che non può condividersi la prospettazione del tribunale, secondo la quale «esiste la concreta probabilità che le somme versate sui conti correnti in questione costituiscano il provento del reato e cioè il quantum di imposta non versata all'erario», poiché un siffatto modo di argomentare, del tutto ipotetico, conduce all'aberrante conclusione di ritenere sempre e comunque legittimo il sequestro a fini probatori del patrimonio di qualsiasi soggetto venga indiziato di illeciti tributari).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.