Cassazione civile Sez. II sentenza n. 12462 del 21 maggio 2013

(1 massima)

(massima n. 1)

Un contratto preliminare di compravendita pu˛ incorrere nel divieto del patto commissorio, sanzionato dall'art. 2744 cod. civ., ove risulti l'intento primario delle parti di costituire con il bene promesso in vendita una garanzia reale in funzione dell'adempimento delle obbligazioni contratte dal promittente venditore con altro negozio, in maniera da stabilire un collegamento strumentale fra i due negozi, mediante predisposizione di un meccanismo (quale la previsione di una condizione) diretto a far sý che l'effetto irrevocabile del trasferimento si realizzi solo a seguito dell'inadempimento del debitore, promittente alienante, rimanendo altrimenti il bene nella titolaritÓ di quest'ultimo, atteso che in tal modo il preliminare viene impiegato non per finalitÓ di scambio, ma in funzione di garanzia, per conseguire l'illecita coartazione del debitore rispetto alla volontÓ del creditore promissario acquirente, costituendo, allora, il mezzo per raggiungere il risultato vietato dalla legge.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.