Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 10553 del 7 maggio 2013

(1 massima)

(massima n. 1)

Il rifiuto di adempimento della prestazione da parte del lavoratore, pu˛ ritenersi conforme a buona fede - in applicazione del principio "inademplenti non est adimplendum" ex art. 1460, secondo comma, cod. civ. - e trovare giustificazione nella mancata predisposizione di misure idonee a tutelare l'integritÓ fisica del prestatore di lavoro, escludendo la legittimitÓ del licenziamento comminato a suo carico, solo quando questi abbia preliminarmente provveduto ad informare la controparte circa le misure necessarie da adottare ovvero ad evidenziare l'inidoneitÓ di quelle in concreto adottate.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.