Cassazione penale Sez. I sentenza n. 4610 del 11 gennaio 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel caso in cui il Gip, richiesto della revoca o della sostituzione della misura cautelare applicata, ritenga di doverla invece mantenere per esigenze cautelari diverse da quelle individuate con la prima ordinanza, deve, nell'emanare il nuovo provvedimento, attenersi alle disposizioni di legge e quindi, nel caso in cui ponga a base di tale provvedimento il fine di garantire l'acquisizione o la genuinità della prova, deve osservare il disposto dell'art. 292, secondo comma, lett. d), c.p.p., che impone la fissazione della durata della misura. (La Cassazione ha altresì evidenziato che l'art. 292 c.p.p. è applicabile a tutti i provvedimenti riguardanti le misure cautelari emessi sia dal Gip che dal tribunale del riesame).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.