Cassazione penale Sez. I sentenza n. 2691 del 6 luglio 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

L'affidamento in prova al servizio sociale, disciplinato dall'art. 47 ord. penit. (L. 26 luglio 1975 n. 354, mod. art. 11 L. 10 ottobre 1986 n. 663), dopo gli interventi della Corte costituzionale (sent. n. 569/89 e ord. n. 309/90) pu˛ essere riconosciuto sia al condannato che si trovi in stato di custodia cautelare, sia a quello che sia rimasto in libertÓ sino alla definitivitÓ della condanna, con la differenza che il giudice dovrÓ valutare, nel primo caso, i risultati dell'osservazione in carcere, nel secondo il comportamento tenuto dal condannato durante lo stato di libertÓ. La posizione del condannato che sia stato sottoposto a custodia cautelare nella forma degli arresti domiciliari (equiparata alla custodia in carcere, a norma dell'art. 285, comma quinto, c.p.p.) non pu˛ essere discriminata in senso deteriore rispetto alle predette situazioni. Ne consegue che il giudice di sorveglianza dovrÓ prendere in considerazione la richiesta di affidamento, valutando il comportamento tenuto dal condannato nello stato degli arresti domiciliari (e la sua personalitÓ, al fine di stabilire se ricorrano le condizioni previste dall'art. 47, comma secondo, ord. penit.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.