Cassazione penale Sez. V sentenza n. 18090 del 12 maggio 2010

(1 massima)

(massima n. 1)

╚ legittimo il provvedimento con cui il Tribunale della libertÓ confermi - nei confronti dell'imputato del reato di cui all'art. 74 D.P.R. n. 309 del 1990, giÓ sottoposto a custodia cautelare in carcere successivamente sostituita con gli arresti domiciliari - il ripristino della pi¨ grave misura carceraria in virt¨ della sopravvenienza della modifica normativa dell'art. 275, comma terzo, c.p.p. - introdotta con l'art. 2, comma primo, lett. a-bis D.L. n. 11 del 2009, convertito con modificazioni in legge n. 38 del 2009 - la quale estende la presunzione di inadeguatezza di misure cautelari diverse dalla custodia cautelare in carcere per i reati ivi indicati, tra i quali Ŕ compreso quello di cui al predetto art. 74 D.P.R. n. 309 del 1990. Peraltro, detta modifica normativa, trattandosi di materia processuale e in assenza di diversa disposizione transitoria, Ŕ applicabile, anche con riguardo ai procedimenti in corso, sulla base del principio "tempus regit actum".

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.