Cassazione penale Sez. II sentenza n. 5699 del 21 novembre 1997

(2 massime)

(massima n. 1)

Ai fini della valutazione in ordine alla sussistenza dell'esigenza cautelare di cui all'art. 274, lett. c), c.p.p., concernente il pericolo di reiterazione di fatti criminosi, il giudizio negativo sulla personalitÓ dell'imputato o indagato pu˛ essere tratto anche dalle modalitÓ e circostanze del fatto per cui si procede.

(massima n. 2)

Con riguardo al disposto di cui all'art. 275, comma 3, prima parte, c.p.p., secondo cui źla custodia cautelare in carcere pu˛ essere disposta soltanto quando ogni altra misura risulti inadeguata╗, l'inadeguatezza degli arresti domiciliari, in relazione all'esigenza cautelare di cui all'art. 274, lett. c), c.p.p., pu˛ essere ritenuta soltanto quando elementi specifici, inerenti al fatto, alle motivazioni di esso ed alla personalitÓ del soggetto indichino quest'ultimo come propenso all'inosservanza dell'obbligo di non allontanarsi dal domicilio a fini criminosi, da perseguire ad ogni costo, anche in violazione della cautela impostagli.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.