Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 15865 del 19 aprile 2007

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di esigenza cautelare costituita dal pericolo di reiterazione di reati della stessa indole, prevista dall'articolo 274, comma 1, lettera c), del c.p.p., la valutazione negativa della personalitÓ dell'indagato pu˛ desumersi anche dalla modalitÓ e dalla gravitÓ del fatto e, a tal riguardo, l'attribuzione alle medesime modalitÓ e circostanze del fatto di una duplice valenza sia sotto il profilo della valutazione della gravitÓ del fatto sia sotto quello dell'apprezzamento della capacitÓ a delinquere discende dalla considerazione che la condotta tenuta in occasione del reato costituisce un elemento specifico assai significativo per valutare la personalitÓ dell'agente. (Mass. redaz.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.