Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 2411 del 24 settembre 1993

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di esigenze cautelari, il pericolo di fuga di cui all'art. 274, lettera b) c.p.p. ricorre quando sia ravvisabile la ragionevole probabilitÓ che l'imputato o l'indagato si sottragga agli esiti dell'esercizio della potestÓ di giustizia. Il concreto pericolo di fuga va, quindi, apprezzato in termini di probabilitÓ ovvero di prevedibilitÓ da desumere, con giudizio logico improntato a ragionevolezza, da elementi certi di carattere oggettivo o soggettivo attinenti alla personalitÓ dell'imputato e non da mere presunzioni. E poichÚ il giudizio di probabilitÓ consiste in un'operazione logica di natura presuntiva, la prevedibilitÓ non pu˛ essere desunta da ulteriori presunzioni, le quali ne infirmerebbero la concretezza. (Nella fattispecie la corte ha annullato il provvedimento del giudice del riesame che aveva desunto il pericolo di fuga da due mere presunzioni concernenti rispettivamente una eventuale condanna del ricorrente a pena źnon sospendibile╗ e la disponibilitÓ di una parte del provento del delitto di tale consistenza da consentire la programmazione della latitanza).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.