Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 6586 del 9 luglio 1997

(1 massima)

(massima n. 1)

Anche in tema di misure cautelari la chiamata in correitÓ Ŕ una prova minore rispetto a quella desumibile da un'ordinaria dichiarazione testimoniale e deve perci˛ essere riscontrata da elementi di prova che si muovano nella stessa direzione della chiamata, cioŔ che attingano il chiamato e lo attingano nel senso voluto dalla chiamata, in modo da far ritenere quest'ultima certa, almeno nella fase del giudizio

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.