Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 8645 del 7 luglio 1999

(1 massima)

(massima n. 1)

I decreti di proroga delle intercettazioni telefoniche non abbisognano di alcuna motivazione in quanto traggono la propria legittimitā dal provvedimento originario cui implicitamente rinviano per ogni necessaria indicazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.