Cassazione penale Sez. III sentenza n. 414 del 7 maggio 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

L'istanza di restituzione della cosa sequestrata, qualora si tratti di provvedimento probatorio, va formulata, avvalendosi del procedimento di cui all'art. 263 c.p.p. In tal caso va seguito il rito camerale di cui all'art. 127 ed avverso l'ordinanza conclusiva pu˛ essere proposto ricorso per cassazione nel termine di quindici giorni (art. 585 n. 1). Nell'ipotesi in cui il giudice disponga Ś sulla necessaria richiesta del pubblico ministero Ś che il sequestro sia mantenuto a fini preventivi ed adotti il relativo provvedimento ex art. 321, l'interessato pu˛ presentare istanza di riesame o ricorso diretto nel termine (diverso) di dieci giorni. In questo come in ogni altro (ordinario) provvedimento di sequestro preventivo Ŕ Ś poi Ś sempre possibile chiedere la revoca ex art. 321 cit., quando vengano meno le condizioni di applicabilitÓ, previste dal primo comma della medesima disposizione. Al di fuori dei casi legislativamente ascrivibili nell'ambito della revoca, il rimedio da esperire Ŕ l'istanza di restituzione, disciplinata dall'art. 676.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.