Cassazione penale Sez. I sentenza n. 5926 del 20 maggio 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

Per il riconoscimento della refurtiva da parte del derubato non devono essere necessariamente osservate le formalitÓ stabilite per la ricognizione di cose; in questo caso, infatti, il derubato, avendo avuto il possesso delle cose rubate, Ŕ in grado di identificarle direttamente, come chiunque altro ne avesse avuto per ragioni analoghe personale conoscenza, e, quindi, la relativa operazione, costituendo un mero accertamento di fatto e non un atto processuale formale, pu˛ essere liberamente utilizzato dal giudice nella formazione del suo convincimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.