Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 34076 del 8 agosto 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di valutazione delle dichiarazioni rese ex art. 210 c.p.p., il giudizio di credibilitą del dichiarante e di attendibilitą delle dichiarazioni deve essere l'esito di una motivata valutazione autonoma del giudicante e non puņ essere soddisfatto dal mero rinvio a quanto avvenuto in separati procedimenti che si risolva in un acritico recepimento di valutazioni operate da altri giudicanti (in applicazione di tale principio, la Corte ha annullato senza rinvio la sentenza nella quale il giudice del merito, in addebito di cessione di sostanze stupefacenti, aveva utilizzato, come riscontro individualizzante delle dichiarazioni di accusa, una sentenza irrevocabile di condanna «perché documenta che l'imputato disponeva di eroina e non a scopo personale»).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.