Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 5280 del 5 maggio 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

L'istituto della elezione di domicilio Ŕ stato introdotto nell'ordinamento per consentire all'autoritÓ giudiziaria di individuare un recapito certo e al destinatario di assicurarsi una tempestiva e sicura ricezione di atti. Ne consegue che l'imputato pu˛ avere un solo domicilio eletto e che ogni mutamento di elezione di domicilio, ritualmente comunicato all'autoritÓ procedente, comporta revoca della precedente elezione, senza possibilitÓ di elezione plurima, contraddittoria rispetto alla lettera e alla finalitÓ della norma.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.