Cassazione penale Sez. I sentenza n. 3119 del 13 ottobre 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

La congruità o meno della motivazione di un provvedimento giurisdizionale non può dipendere dal fatto che il giudice abbia o non abbia usato le parole usate dal legislatore, dovendosi invece aver riguardo solo al fatto che egli abbia o meno indicato elementi di prova o indizi aventi le caratteristiche richieste dalla legge. (Nella specie, sulla scorta di tale principio, è stata ritenuta la validità, sotto il profilo motivazionale, di un provvedimento in materia de libertate in cui, pur affermandosi la necessità di verificare la sussistenza dei «gravi indizi di colpevolezza», si erano poi talvolta definiti tali indizi come «sufficienti»).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.