Cassazione penale Sez. I sentenza n. 1315 del 4 febbraio 1994

(2 massime)

(massima n. 1)

In tema di reato continuato l'identitÓ del disegno criminoso non pu˛ essere presunta e l'imputato ha un onere di allegazione di sentenze, necessitando il corredo di prove e di argomentazioni tali da dimostrare l'unicitÓ del disegno criminoso in cui devono essere ricomprese le diverse azioni od omissioni fin dal primo momento.

(massima n. 2)

Qualora la richiesta di giudizio abbreviato sia avanzata esclusivamente dal difensore dell'imputato latitante, non munito di procura speciale, sussiste una causa di inammissibilitÓ ex art. 122 c.p.p. in riferimento all'art. 438 c.p.p., deducibile e rilevabile in qualunque stato e grado del procedimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.